Goli otok (Isola nuda)

    L'Isola nuda è una delle isolette situate tra Lopar e la terraferma. È nota come una delle prigioni più famigerate in Europa dopo la Seconda guerra mondiale. Ha accolto i primi prigionieri nel 1948, ed ha chiuso i battenti quattro decenni più tardi. Addirittura durante la Prima guerra mondiale qui per breve tempo sono stati internati i prigionieri russi. La storia più spaventosa dell'isola si è svolta durante l'"Informbiro", dal 1949 al 1958 quando qui venivano rinchiusi e torturati i prigionieri politici, oppositori del regime comunista di Tito dell'epoca, ovvero i seguaci del regime di Stalin. Ad attraversare l'inferno dell'isola sono stati 16 000 prigionieri, 400 dei quali vi sono rimasti per sempre. Sull'Isola nuda venivano applicate penitenze spaventose, il lavaggio del cervello e la distruzione della volontà con ripetizioni interminabili, il tutto con lo scopo di far perdere al prigioniero la sua personalità. Allo stesso tempo i prigionieri sono stati costretti a lavori fisici duri nelle cave e su vari macchinari di produzione. All'arrivo dei primi prigionieri sull'isola non c'era vegetazione. A imboschire e costruire l'isola sono stati proprio i prigionieri. Il forte vento di bora nei mesi invernali e l'insopportabile caldo estivo hanno solo reso ancora più difficile il soggiorno già triste dei prigionieri. In seguito il regime sull'isola è andato attenuandosi, e iniziarono ad arrivare anche prigionieri condannati per reati di criminalità. Scappare dall'Isola nuda era praticamente impossibile. Oltre a un severo sistema di sorveglianza, c'erano le forti correnti del mare e l'eccessiva lontananza dalla terraferma. Tutto si svolgeva con la massima segretezza, tanto che la verità inizia a venire a galla solo ora.  

   Oggi l'Isola nuda si può visitare turisticamente. Sono molte le navette turistiche che la raggiungono. Purtroppo gli edifici sono desolati, ma è evidente quali erano le condizioni in cui hanno vissuto i prigionieri. Sull'isola c'è un piccolo trenino turistico, e vi è anche un ristorante.

/

WEB design Pletikosa :: Copyright © 2011 Hotel Epario

HrvatskiEnglishDeutschItaliano